Secondo tempo: larga è la foglia stretta la via… verso il rifugio San Niccolò :))

Val di Fassa Dolomiti TN

Come vi dicevo nella prima parte del racconto, visto lo splendido pomeriggio, abbiamo riprogrammato il navigatore: Diego, mio suocero, la nostra guida.

Abbiamo puntato dritto per una meta sconosciuta: Il rifugio san Niccolò in cima al lato opposto della Val di Contrin.

A dir la verità ero un po’ dubbiosa. Più che altro sulla durata del cammino e l’orario del ritorno. La valle si è allargata immediatamente prima della risalita, mostrando un paesaggio fiabesco, confortandomi. Abbiamo attraversato il ponticello di legno …Cosa c’è di più rigenerante nel nostro immaginario di un torrente di montagna? Che peccato non averlo immortalato con più decisione!

Sotto la Marmolada, Val di Contrin, TN

La Marmolada, Val di Fassa, Dolomiti

Val di Contrin

Erano ormai le 17 quando ci siamo lasciati la Marmolada alle spalle, mentre, si faceva sempre più imponente man mano che salivamo sul costone opposto, quasi volesse alzarsi dal suo enorme divano per farsi notare. E dopo un po’ di fatiche abbiamo rincontrato il Contrin…ma laggiù stavolta! ;D Che soddisfazione vedere la strada fatta e combiare totalmente visuale!

Rifugio Contrin sotto la Marmolada

la valle e Canazei sul fondo

[Foto mia Flickr link Artoleria]

Valeva la pena! Adesso vedevamo la valle. Noi siamo arrivati a piedi dal fondo di questa distesa verde, da dove si vedono i tetti. Ci sono volute circa tre ore e mezza. Il sentiero si fa minuscolo e a tradimento sale ancora. E ancora, e ancora …nel silenzio!

Ecco, il Silenzio.

Il regalo migliore che ti fa la montagna (se ti dimentichi il rumore del tuo fiato che fatica aprendo i polmoni nella salita).

E se non sei in testa alla fila e sei svegliato all’improvviso dal fischio potente delle…marmotte!!! Finalmente le ho viste!! Mitiche marmotte che fanno la ronda per nascondersi al passaggio dei disturbatori, vi abbiamo fregato controvento!

Marmotta

Rifugio san Niccolò

Nel frattempo svalichiamo, sentendo questa volta il suono del vento che annuncia la vetta. In cima, una mandria di cavalli, il costone fra altre due valli verdissime e il tramonto che comincia a tingere di rosa l’erba e l’aria. Più in la, sempre presente, il Sella, il Sas Pordoi (terrazza delle Dolomiti), Piz Boé e dentro a tutte le sfumature di blu, le Alpi. Non siamo altissimi, ma lo scorcio è affascinante e privilegiato.

Rifugio San niccolò

[Foto Stefano Origano]

Lassù, passata da un po’ l’ora da turisti, abbiamo giusto il tempo di metterci i vestiti più pesanti per poter scendere a valle. Pesa sulle spalle anche un piccolo rimpianto per non poter restare ancora, magari a guardare i bambini del rifugio che se ne stanno ancora appollaiati a giocare, nei loro maglioncini fuori stagione.  Sono le sette e mezza e la discesa si preannuncia una corsa. Le gambe dopo circa sei ore di cammino sono un po’ pesanti.

Ci lasciamo su questo preludio di tramonto. Che racconta quello che resta nei piedi e nella testa di chi ama le piccole grandi avventure di montagna.

Alla prossima!

*-.-*

{lang: 'it'}
Questo articolo è stato pubblicato in Storie della mia storia. Aggiungi ai preferiti: link permanente. Scrivi un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

2 Commenti

  1. Pubblicato 2 agosto 2012 alle 00:08 | Link Permanente

    bel primo piano della marmotta!!!

  2. nonna rossa
    Pubblicato 10 agosto 2012 alle 17:36 | Link Permanente

    ….certo che ho letto i tuoi racconti. Brava Katia scrittrice!!! Si capisce come sei stata affascinata dalla montagna, hai ragione è un mondo spettacolare! Era successo anche a me. Spero ci sia un continuo di tutto questo!

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*

  • WELCOME!

    Sono Katia. Scenografa di sogni da parete. Personal stylist di feste e momenti speciali. Oggi, anche grazie alla ricerca nata in questo blog, mi occupo di decorazione. Invento e realizzo backdrop personalizzati per eventi, decor per vetrine e per la casa.

    Artoleria Blog è il luogo delle mie ispirazioni: lo stile e il fai da te, per il riuso e l'arte, il disegno, la poesia, la scrittura, la fotografia, il gioco, le meditazioni più sincere.

    Me

    I am Katia, I love beauty and can not help but create and test the new!
    Artoleria is the place of my inspirations: Style and DIY, reuse and art, drawing, poetry, writing, photography, play, sincere meditation.
  • Seguimi *-.-* Follow me

    • facebook
    • twitter
    • pinterest
    • flickr
    • Blog Lovin
  • LINKwithlove
  • Special Sponsors