Restyling, della stanza di lavoro ed altre stanze fuori e dentro

Stanza di lavoro - restling

Spesso i cambiamenti esteriori, o quelli che facciamo intorno a noi, sono segno di un cambiamento più profondo. Non credo affatto che l’estetica sia sinonimo di superficialità. Per la mia esperienza e per i miei studi dentro e fuori si completano perfettamente. Questo piccolo cambiamento ci voleva. Ho cercato di armonizzare un po’ i colori, niente di che. E vorrei ancora più uniformità. Sto cercando di selezionare i molti materiali che uso e dar valore a quelli che più amo e che mi danno più possibilità di esprimere il mio senso del bello. Infine sono arrivata in una nuova stagione della mia piccola vita e questi colori freschi la riempiono e la descrivono, come la primavera, dopo il lungo inverno. Mentre metto mano alle mie idee mi incoraggiano e mi avvolgono. Piccole cose…

Dettagli della stanza di lavoro

Ma la mia mente è toccata e colpita anche dagli eventi che toccano la notra società più vicina. E anelo un cambiamento che forse non potrà avvenire nel modo in cui ce lo aspettiamo. Sono sopratutto mi dilania il tormento che stanno attraversando molti uomini e padri. Alcuni si arrendono, fino ad odiare la vita, a perderla. A toglierla. Illusione che il male finisca con loro  insieme a loro. E’ un ombra di una tristezza indescrivibile. Penso che sia il male di una cultura basata su merito che non cresce sul valore. Davanti a questa disfatta sono allibita. Che non ci sia nessuno che abbia il coraggio di gridare il valore della vita?? E in questo si conferma che è vero che troppo spesso non si da valore alla vita nel grande marchingegno di pensiero che ci siamo inventati. Non penso che siano storie individuali. Penso sia un male e una cancrena terribile che ci riguarda tutti. Ma questi uomini…

Chi dirà loro che la vita non è quello che si è fatto, quello che si è costruito, il mestiere che si fa o che si perde.

Chi dirà loro che la vita è nuda?

Molti si fanno carico della tristezza e della rabbia, pulendosi la bocca con tovaglioli sporchi degli stessi sentimenti.

Canzoni, discorsi, proclami, parole.

Ma chi sussurerà la bellezza dell’essere immobile e impotente?

Chi amerà questi falliti?

Chi li incoraggerà ad amarsi?

Chi dichiarerà con certezza che la libertà non è data ma è rubata.

Conquistata col furto, si, e con la follia di un pensiero indipendente?

Chi li libererà dalla paura che li impietrisce?

dall’accusa, dal vittimismo, dalla finzione?

Chi amerà così tanto da guarire le ferite perchè la spina dorsale degli uomini di questa generazione trovi muscoli e carne sani per svilupparsi e crescere?

*

Conosco un folle che ha fallito fino agli sputi in faccia, che ha ceduto la propria dignità ai porci, che è stato ferito, spogliato e denigrato, che è stato dichiarato debitore della vita. 

Conosco un folle che per questo motivo, pensando a noi, è morto col sorriso.

Si è arreso volontariamente, non per ottenere la nostra pietà nei secoli, ma perchè a noi toccasse la ricchezza e la pienezza della vita.

Oggi.

Conosco un folle che ha pagato tutti i nostri debiti.

Al posto nostro e loro.

I debiti con la morte.

Perchè di debiti con la morte si tratta, morte della dignità, della libertà, della giustizia e dell’amore. 

Il Folle cammina ancora e consola chi lo ascolta.

Chi dirà loro che non è lontano, ad un passo dalla loro follia?

Chi lo conosce parli,  e se non può parlare lo conduca a questi uomini per piacere!

Stanza di lavoro Piccola bacheca

{lang: 'it'}
Questo articolo è stato pubblicato in Arredamento, casa, decoration, scatole e contenitori. Aggiungi ai preferiti: link permanente. Scrivi un commento o lascia un trackback: Trackback URL.

4 Commenti

  1. Pubblicato 27 maggio 2012 alle 12:52 | Link Permanente

    Post molto intenso e ricco di spunti. In certi momenti della mia vita difficili o felici sento il “bisogno” di sistemare, cambiare, buttare via il surperfluo (o quello che è diventato tale nel corso degli anni). Di solito funziona come veloce rimedio rigenerante e antistress, per cui anch’io penso che non sia solo un fattore esteriore. Per quanto riguarda gli eventi quasi quotidiani di cui parli, io difficilmente riesco a pronunciarmi (per esperienza personale ne sono stata toccata da vicino). Grazie comunque di averne parlato.
    ciao

  2. Pubblicato 28 maggio 2012 alle 08:43 | Link Permanente

    Il folle che ha pagato per noi, lo conosco anch’io e non ho paura di farlo conoscere. Bello il tuo angolo tutto molto colorato. Un abbraccio.

  3. Pubblicato 28 maggio 2012 alle 10:21 | Link Permanente

    Questo angolino è bellissimo, lineare, solare, allegro…come la tuo essere? Condivido in pieno, se attuano cambiamenti sempre quando qualcosa dentro di noi sta mutando o viceversa i grandi cambiamenti esterni ci portano a rivedere i nostri punti di vista!
    Oggi anche io sono sullo stesso “mood” se ne hai voglia ti aspetto per uno scambio riflessioni…

  4. Pubblicato 28 maggio 2012 alle 15:33 | Link Permanente

    E’ vero, il bisogno di rinnovare fuori combacia spesso con quello di rinnovo dentro. Condivido anche in pieno le tue riflessioni, così bene espresse. E hai detto bene, ormai siamo senza spina dorsale, non abbiamo niente in cui credere o crediamo di non averlo. Eppure basterebbe guardare il sorriso delle persone e il sorriso del cielo per consolarci.
    E’ brutto da dire, ma tempo fa qualcuno si è tolto la vita per un debito di poche migliaia di euro e io e mio marito ci siamo guardati e ci siamo detti che noi avremmo dovuto morire più e più volte. Invece ci siamo aggrappati tra di noi, piangendo, urlando, rompendoci le unghie per lo sforzo di non scivolare… eppure ci siamo e sorridiamo tutti i giorni di quel poco che c’è.
    Il Folle, consola chi lo ascolta. per chi non sa più ascoltare io soffro ogni giorno…

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*
*

  • WELCOME!

    Sono Katia. Scenografa di sogni da parete. Personal stylist di feste e momenti speciali. Oggi, anche grazie alla ricerca nata in questo blog, mi occupo di decorazione. Invento e realizzo backdrop personalizzati per eventi, decor per vetrine e per la casa.

    Artoleria Blog è il luogo delle mie ispirazioni: lo stile e il fai da te, per il riuso e l'arte, il disegno, la poesia, la scrittura, la fotografia, il gioco, le meditazioni più sincere.

    Me

    I am Katia, I love beauty and can not help but create and test the new!
    Artoleria is the place of my inspirations: Style and DIY, reuse and art, drawing, poetry, writing, photography, play, sincere meditation.
  • Seguimi *-.-* Follow me

    • facebook
    • twitter
    • pinterest
    • flickr
    • Blog Lovin
  • LINKwithlove
  • Special Sponsors